COSA C’ENTRA PROGETTIFORME ALLA DESIGN WEEK

COSA C’ENTRA PROGETTIFORME ALLA DESIGN WEEK

“La negazione dell’ornamento proposta dal movimento moderno non riesce dunque a portarsi a compimento; se è vero che l’accezione del termine è mutata nel tempo è anche vero che la sua permanenza, seguita da fasi di negazione e riappropriazione, ha costituito un percorso atto a testimoniare l’importanza di tale parametro nella storia dell’architettura.” – Tiziana Proietti

Il ricamo e le lavorazioni speciali su materiali tessili e pelle hanno trovato posto, negli ultimi anni, esclusivamente nell’ ambito dell’abbigliamento, perdendo quel ruolo ornamentale che in passato assolveva al fondamentale compito di completare l’opera ed il manufatto, sottraendoli a quella provvisoria fase di nudità.

Tuttavia la ciclicità delle mode e l’innovazione tecnologica, che ha reso alcune lavorazioni più abbordabili dal mondo dell’industria, ha messo in moto quel mercato che sembrava ormai destinato all’età classica e sempre di più l’architetto si rivolge al ricamo per valorizzare quell’insieme di elementi atti a conferire ulteriore bellezza agli arredi e complementi.

Progettiforme è il partner di moltissime aziende del Fashion che si occupa di rendere concrete e tangibili le idee degli stilisti, rimanendone a fianco nell’intera fase di studio ed elaborazione.

Parimenti oggi si offre quale collaboratore del designer e dell’architetto, mettendo a disposizione le medesime competenze e conoscenze, proponendo ornamenti capaci di rispondere a specifiche esigenze tecniche dei manufatti.

La lavorazione ed il taglio della pelle con il laser, le diverse possibilità offerte dal ricamo con tecniche conosciute come Tufting o in rilievo sono presenti al Decorlab; sia negli articoli posti nell’esposizione permanente che nella nuova stanza Leonardo.

I quadri di quest’ultima sfruttano la tecnica del Picturing dove il movimento della cucitura diventa sempre più intenso quando la scala dei grigi dell’immagine si avvicina al nero; una tecnica che si pone come linea di confine tra arte e industria. L’utilizzo di un filato ceramicato poi dona matericità e sostanza al quadro dell’uomo Vitruviano.

Il Decorlab, quale incubatore e contaminatore di idee, è l’ambiente che Progettiforme ha scelto per proporsi al mondo dell’arredo, coordinandosi con altre tecniche decorative, quali la stampa a pigmento o la scultura in resina che, unendosi, danno vita a quel concetto di ornamento che non riduce l’essenza dell’elemento architettonico o di arredo ma ne conferisce grazia e bellezza.

I quadri sono realizzati in tessuto di poliestere, stampato per sublimazione sul quale è stato creato un ricamo con tecnica Picturing e 3D FROST.

L’appuntamento è dunque al Decorlab di via Tortona 31 a Milano, dal 17 al 22 aprile; ci troverete ad attendervi per mostrarvi il nostro concetto di decorazione ed ornamento coordinato.

Perché, come diciamo sempre: “sono i dettagli che fanno la differenza”.

PAS